Allattare al seno quando si è in pubblico

Attraverso l’allattamento al seno una mamma non da semplicemente il latte a suo figlio ma sta costruendo quella profonda relazione di amore e rispetto che deve esserci tra mamma e figlio.

Allattare al seno è sicuramente il miglior modo per alimentare un bambino.

Il latte materno è ricco di nutrienti e proprietà benefiche che lo rendono un vero e proprio elisir di benessere per il neonato.

Prima ancora del latte vero e proprio il piccolo si nutrirà del colostro, ovvero quella sostanza densa e gialla che viene prodotta dopo il parto dal seno, ricca di anticorpi benefici per l’intestino e per la protezione di tutto l’organismo.

Il latte materno è un alimento completo e l’OMS e il Ministero della Salute raccomandano e riconoscono il latte di mamma come il migliore e unico alimento per i primi sei mesi di vita del neonato.

I benefici del latte materno sono innumerevoli, tanto che per i bambini nati prematuri è un vero e proprio salvavita.

Esistono delle banche del latte presso gli ospedali dove le mamme possono donare il latte che adeguatamente conservato sarà utilizzato per alimentare i neonati prematuri.

Allattare al seno comporta benefici per il beè ma anche per la mammma: stimola la naturale contrazione dell’utero subito dopo il parto, aiuta la donna a perdere peso, riduce il rischio di depressione post-partum.

Inoltre ci sono numerosi studi che hanno evidenziato che le donne che hanno allattato hanno meno rischi di ammalarsi di osteoporosi e si riduce fortemente il rischio dii cancro alla mammella.

Come dicevamo prima l’allattamento crea anche una relazione speciale tra mamma e figlio.

Negli ultimi anni c’è stato un vero e proprio cambio di rotta, il numero delle mamme che hanno scelto di abbandonare il biberon per prediligere l’allattamento naturale è aumentato considerevolmente.

Un ritorno al passato, un passato lontano, visto che a partire dagli anni sessanta c’è stato il boom del latte artificiale; da li in poi le donne italiane, o per lo meno la maggior parte, hanno progressivamente abbandonato l’allattamento al seno per prediligere quello artificiale.

Apparente modernità e libertà unita al business delle aziende produttrici di latte artificiale hanno col tempo fatto dimenticare l’importanza insostituibile del latte materno. Molte mamme oggi scelgono di allattare e di farlo anche dopo l’anno di età del bambino.

Allattare al seno significa non essere vincolati ad orari , a biberon da riscaldare o sterilizzare , è un atto semplice e naturale che può essere fatto dovunque.

La mamma non è di certo costretta a stare a casa per allattare suo figlio ma può farlo benissimo anche se si trova fuori.

Purtroppo nella nostra società vi sono ancora molti pregiudizi e non sempre allattare in pubblico è visto di buon occhio.

Ci sono stati casi in cui in bar o ristoranti delle mamme che allattavano al seno sono state addirittura invitate ad andarsene o a recarsi in un luogo più idoneo a loro parere, per questa pratica.

Fortunatamente stiamo andando sempre più verso una società che abbandona queste false pudicizie e incoraggia la mamma ad allattare. Una volta vinti i pregiudizi altrui, è importante che la madre si senta sempre a proprio agio, quando sceglie di allattare fuori casa.

Si tratta sempre di una cosa molto privata e intima e necessita di grande rispetto .

Se ci si trova in un parco o si ha a disposizione una panchina durante una passeggita , si può scegliere di sedersi o accomodarsi sull’erba secondo la posizione che si preferisce assumere e la comodità di mamma e bambino

Nel caso in cui non si avesse questa opportunità, oggi, proprio grazie a questa nuova sensibilità che si sta creando, molti negozi, il più farmacie, librerie o centri commerciali, realizzano al proprio interno dei baby pit-stop.

Non sono altro che degli spazi organizzati e dedicati alla mamma e al bebè: vi è una comoda poltrona sulla quale accomodarsi o un divanetto, un tavolinetto, un fasciatoio se si ha l’esigenza di cambiare il piccolo e anche dei scaldabiberon per le mamme che lo utilizzano.

Insomma un luogo dedicato, dove non si è relegati ad un angolo, ma si è accolti con rispetto e protetti.

Questi luoghi possono inoltre diventare anche dei luoghi di conversazione, aggregazione e confronto tra mamme e papà.

Oltre al luogo è anche importante pensare all’abbigliamento più comodo. Oggi molti negozi vendono abbigliamento premaman, maglie o vestiti e soprattutto reggiseni per l’allattamento.

Questi sono relizzati con accorgimenti particolari ( ad esempio dei tagli nella stoffa o doppi tessuti che permettono di far uscire solo una piccola parte del seno) che permettono alla mamma di allattare comodamente senza avere troppo freddo o scoprirsi più di quanto si voglia o ancora di non rovinare una normale maglia.

Molte mamme ad esempio, soprattutto nella stagione invernale utilizzano dei foulard o delle sciarpe che coprono parzialmente il decoltè preservandolo dal freddo.

Infine se la mamma utilizza un marsupio o una fascia porta bebè, questi potrebbero risultare molto comodi per allattare il bambino regalando anche un sostegno in più alla mamma.

Foto articolo by: deabyday

 

Lascia un commento

Torna su